Navigare Facile

La Storia degli Arazzi

Storia degli Arazzi

I primi arazzi risalgono al nono e al dodicesimo secolo sebbene alcuni tessuti cinesi ed egiziani siano generalmente ritenuti tali; fu nello specifico il Quattrocento il secolo più fruttuoso, specie in Francia dove l'arazzo si diffuse anche in virtù delle committenze della corte di Borgogna e della famiglia reale francese.

In particolare fu la città di Arras (da cui trae origine la parola "arazzo") a costituire il centro della loro produzione insieme, successivamente, a Tournai dove vennero prodotti  veri e propri capolavori, eccellenti per l'elegante risultato finale.

Temi maggiormente ricorrenti erano quelli sacri benchè non fossero da meno le decorazioni floreali minuziosamente preparate da abili artisti. Anversa, Bruges e Bruxelles furono altrettanto importanti mentre in Italia gli arazzi ebbero diffusione grazie ad alcuni maestri fiamminghi.

Non a caso le manifatture fiamminghe detennero il primato, per lo meno nel nostro continente, per tutto il diciassettesimo secolo per via del peculiare stile (altamente pittorico) con cui gli arazzi erano realizzati.

Ma il primato tornò presto a essere francese al punto che a Parigi, nel diciottesimo secolo, si registrò un'ampia e fortunata produzione di arazzi. Purtroppo la Rivoluzione Francese scoraggiò la continuazione di tale opere, ripresa e rinnovata soltanto con l'Art Nouveau.

Dove